(+39) 02 56 56 74 92
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Da ormai una settimana abbiamo ripreso, seppur con diversi limiti, la nostra attività all’interno dell’agenzia. Abbiamo già parlato di come ci siamo organizzati scrupolosamente per la ripartenza nell'articolo Fase 2. Si torna a lavorare rispettando i protocolli.

Quando si compra casa ci sono dei passaggi fondamentali: il primo è la sottoscrizione del rogito dinnanzi il notaio, il secondo è il pagamento del prezzo, il terzo è la trascrizione dell’atto presso la Conservatoria in modo tale da rendere l’atto opponibile a terzi (se vuoi approfondire l’argomento ti invito a leggere l'articolo "Per gridare al mondo di essere proprietario di casa, non basta la firma dell’atto di compravendita").

 

Quando si compra casa non è sufficiente presentarsi davanti al notaio, firmare il contratto di compravendita e versare l’assegno al venditore. La sottoscrizione, infatti, rende il passaggio della proprietà efficace solo tra le parti contraenti: ossia tra venditore, da una parte, e compratore, dall’altra. E’ necessario, anche, un ulteriore step per poter dire a tutti di essere proprietario dell’immobile.

 

Se stai leggendo queste righe è perché hai programmato nelle prossime settimane la firma di un atto di compravendita (il cd rogito) e la domanda che ti poni, giustamente, è se l’appuntamento davanti al notaio è confermato vista la pandemia in corso.