(+39) 02 56 56 74 92
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In un condominio “convivono” beni di proprietà esclusiva dei singoli condomini e beni comuni. La norma di riferimento per quanto riguarda i beni ad uso collettivo è l’art. 1117 cc rubricato “Parti comuni dell’edificio” che, in forza di presunzione iuris et de iure, stabilisce, seppur a titolo esemplificativo, che “Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell’edificio, anche se non aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo: 1) le parti dell’edificio necessarie all’uso comune, come il suolo su cui sorge l’edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate…”.

Venerdì, 29 Maggio 2020 06:31

Ho un bimbo di quasi nove anni. Un meraviglioso terremoto. Ma d’altronde, mi sa che non è l’unico di questi tempi. Durante la lunga quarantena e la convivenza casa / lavoro ha assistito a diverse telefonate, video riunioni e probabilmente la curiosità lo ha spinto a capire meglio di cosa mi occupassi tutti i giorni.

Martedì, 26 Maggio 2020 14:43

Può capitare che decidiate di comprare casa o concludere un contratto di locazione di un immobile posto all’interno del condominio dove andrete a vivere. In quell’occasione, magari, date per scontato che il vostro cane, o un altro vostro animale domestico, possa venire ad abitare con voi.

Venerdì, 22 Maggio 2020 07:14

Non immagini quante volte mi capiti di trovare annunci online con fotografie scattare dal cellulare, di pessima qualità, con ambienti disordinati e poco puliti. Già, sui portali generalisti o sui social, trovo spesso questo tipo di annuncio, ma la cosa veramente grave é che vengono pubblicati da agenzie immobiliari, da “colleghi”. 

Martedì, 19 Maggio 2020 07:48

Si è visto che il Decreto Cura Italia aveva previsto all’art. 65 un credito di imposta pari al 60% dell'ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020 per gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1– Negozi e botteghe, eccezion fatta per quelle che sono rimaste aperte in quanto considerate attività essenziali (quali ad esempio, i supermercati, i punti vendita di generi alimentari, le farmacie).

Venerdì, 15 Maggio 2020 10:24
Pagina 1 di 3